Il diritto all’oblio non vale per Google

Lo ha sentenziato l’avvocato generale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea: Google non e’ tenuto a far valere il “diritto all’oblio” e a cancellare i dati personali pubblicati da altri siti e che Google trova.
La decisione dà ragione a Google Spain che aveva presentato un ricorso contro l’Agenzia spagnola di protezione dati.
L’autorita’ aveva imposto a Google di cancellare i dati di un privato pubblicati su un giornale online, perche’ egli non voleva piu’ essere trovato con le ricerche web.
Secondo l’avvocato generale della Corte – le cui conclusioni sono quasi sempre recepite dalle sentenze – ”i fornitori di servizi di motore di ricerca non sono



Si torna a parlare della spinosissima questione del diritto all'oblio. Ogni cittadino europeo dovrebbe avere facoltà di richiedere l'eliminazione, da un qualunque sito web o da un motore di ricerca, degli articoli che lo riguardano e che fotografano, ad esempio, il suo coinvolgimento in vecchi procedimenti giudiziari. Questa la tesi di coloro che propongono una normativa forte, capace di sancire t



Secondo l'Avvocato Generale della Corte di Giustizia dell'Unione Europea nessun individuo può pretendere la rimozione di un contenuto pubblicato su un motore di ricerca o su un qualsiasi sito web solo perché ritenuto pregiudizievole o contrario ai propri interessi, a patto che ovviamente - nel momento in cui è stato posto online - l'articolo conteneva informazioni legittimamente reperite e corrisp

Il parere della Corte di giustizia europea. Il vincolo di cancellazione vale per i siti e non per i motori di ricerca

E' il parere scritto della Corte di giustizia europea: "Sono i siti web, e non Google, che vanno ritenuti responsabili delle informazioni che pubblicano sul conto dei singoli"



Mountain View vuole brevettare un algoritmo in grado di interpretare il pensiero dell'utente mentre viene digitato dentro Gmail, per bloccarne la diffusione in...

Parere favorevole a Google della Corte di giustizia europea: il motore non può essere obbligato a cancellare i dati presenti sui siti che indicizza.

La giustizia francese ordina a Google di cancellare le tracce delle foto ose' dell'ex patron della Formula 1. E di controllare che non ricompaiano nei prossimi cinque anni

Cerca notizie simili a:
Diritto all'oblio, Mosley deve sparire

Anche la giustizia tedesca ordina a Google di cancellare le tracce delle foto ose' dell'ex patron della Formula 1

Cancellazione da atti ispettivi anche nelle risposte del governo

Alla Corte, con base in Lussemburgo, è stato chiesto di pronunciarsi su un caso in Spagna, dove diverse persone si erano rivolte all'agenzia per la tutela della privacy lamentandosi del permanere nell'esito dei motori di ricerca di alcune informazioni sul loro conto relative a diversi anni prima. L'agenzia aveva ordinato a Google Spain e alla Big G di rimuovere quelle informazioni dai risultati de

Google non è obbligata a cancellare i dati personali pubblicati da altri siti e che Google trova. A dirlo è l’avvocato generale della Corte di giustizia dell'Unione Europea, dando...

Con il decreto legislativo approvato dal Consiglio dei ministri, la durata passa da 50 a 70 anni. Il provvedimento, che recepisce una direttiva europea (la 2011/77/Ue)... 

Con il decreto legislativo approvato dal Consiglio dei ministri, la durata passa da 50 a 70 anni. Il provvedimento, che recepisce una direttiva europea (la 2011/77/Ue)... 

Con il decreto legislativo approvato dal Consiglio dei ministri, la durata passa da 50 a 70 anni. Il provvedimento, che recepisce una direttiva europea (la 2011/77/Ue)... 



Secondo la Corte di giustizia Ue, il re dei motori di ricerca non è responsabile del trattamento di dati personali e non è obbligato a far valere il diritto d'oblio. -Redazione- -25 giugno 2013- Google non è obbligato a far valere il cosiddetto "diritto d'oblio" cancellando i dati personali pubblicati da altri siti e rintracciati dal motore di ricerca. Questo è il verdetto dell'avvocato generale d

La Corte di giustizia Europea ha dato ragione a Google Spain, concludendo che 'Google non e' tenuto a far valere il diritto all'oblio e a cancellare i dati personali pubblicati su altri siti e che Google trova'. La vicenda aveva avuto inizio quando l'Agenzia spagnola di protezione aveva deciso di imporre a Google di cancellare i dati di un privato pubblicati su un giornale online. A quanto pare, p



Ve lo avevamo annunciato in questo precedente articolo ed ora eccola finalmente disponibile. Stiamo parlando dell’applicazione ufficiale Google Play Music, disponibile da pochi minuti su App Store. Tale applicazione, compatibile solo con iPhone, mette a disposizione tutte le funzionalità del noto servizio di streaming musicale di Google. Con entrambi i servizi Unlimited e Standard, l’app Google Pl



di REDAZIONE Proponiamo in ANTEPRIMA per L’Indipendenza la traduzione integrale in italiano dell’articolo Crimean Referendum Ilegal? Nonsense! tratto dal Ron Paul Institute For Peace and Prosperity (organizzazione fondata per promuovere una politica estera americana anti-interventista) da parte di Jeremy R. Hammond, analista politico indipendente e fondatore del Foreign Policy Journal. (Traduzione



Il parere dell'avvocato generale della Corte di giustizia Ue: non è tenuto a far valere il "diritto all'oblio". Il motore non va considerato responsabile e non...storie correlateSkype scopre la pubblicità che si sfoglia come un giornaleFacebook prepara un giornale social: notizie dal web selezionate dagli utentiInstagram, 5 milioni di video in 24 oreAutorip di Amazon sbarca in Italia: compri cd o

2014 Copyright Qoop.it - All Rights Reserved.